Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti


Scopri Seui

Home > Scopri Seui > Enogastronomia

Enogastronomia

Seui vanta numerosi produzioni agroalimentari e gastonomiche tradizionali.
Tra queste possiamo annoverare:

  • Culurgionis: fatti con patate lesse, formaggio in salamoia (casu 'e fita), meta, aglio e conditi con olio d'oliva (chi segue la tradizione utilizza lo strutto). L'impasto viene inserito in sfoglie di pasta fatta di farina, acqua e sale, e chiusi manualmente con la caratteristica spighìta. Possono essere mangiati bolliti e conditi con formaggio e sugo, fritti o cotti in graticola.
  • Civargèddus prènus: fatti di patate lesse, zucchine sofritte con olio e cipolle, formaggio in salamoia, (càsu 'e fita), pepe nero, aglio. Il ripieno così ottenuto viene steso in una sfoglia di pasta e poi cotto al forno.
  • Maccarrònis sciarrancàus: fatti di farina, acqua, facoltativo l'uovo
  • Civargèddu 'e cibùdda (pane di cipolle): tradizionalmente fatto con pasta di pane cui si aggiungono cipolle crude e ciccioli (èrda). Adagiato su foglie di cavolo, viene cotto in forno a legna dopo aver sfornato il pane.
  • Gnocchi di patate: fatti di farina, patate lesse, acqua e sale. Cotti in acqua bollente e conditi con sugo e formaggio.
  • Cìgiri a pìsili: Il piatto è fatto con ceci (ammollati in acqua tiepida), lardo, cotenna, piedini o testa di maiale, cui si aggiungono a fine cottura delle patate.
  • Pecora in capotto: Bollito di pecora cucinato con l'aggiunta di sedano, cipolla, carote, spezie varie e sale.
  • Capretto e maialetto arrosto
  • Càgliu: fatto con lo stomaco di capretto piena di latte materno, lasciata essicare e affumicare.
  • Tratalìa (coratella): fatta con le frattaglie (fegato, polmone, cuore  e milza) tagliate a pezzi, inserite in uno spiedo alternando con pezzi di lardo e poi ricoperte con il diaframma grasso dell'animale (sa nàpa) e legate con l'intestino. Viene cotta allo spiedo.
  • Còrda: stomaco della pecora o capra con l'intestino. Può essere cucinata arrosto dopo essere stata sbollentata, oppure bollita con piselli o patate.
  • Càsu agèdu: (formaggio acido), fatto con latte di capra e caglio. Segue un procedimento particolare.
  • Pàrdulas: (formagelle), fatte con formaggio di giornata, tuorli d'uovo e zafferano. Inserite in una sfoglia fatta con farina e acqua. Cotte al forno.
  • Pàni 'e sàba: fatto con farina, noci, nocciole, mandorle, uva sultanina (pabassa), zucchero, spezie e sapa (bìnu còttu), ricoperto di monperiglia (traggèra)

 

 

 

 

Condividi su:

Vai su